Cerca nel sito

Quanto costa rifarsi il seno?

Seguici su:
22 maggio 2019

Quanto costa rifarsi il seno? La modifica del seno è al giorno d’oggi uno degli interventi più richiesti dalle donne. La scelta di un chirurgo plastico esperto e affidabile per migliorare o modificare il proprio corpo andando ad aumentare a piacere il volume del proprio seno è il primo passo verso il raggiungimento dei propri desideri.

Ma quante tipologie di mastoplastica esistono?

Esistono diversi tipi di interventi chirurgici per il seno che riflettono diversi prezzi. Occorre quindi andare a spiegare quali sono questi interventi prima di concentrarci sul prezzo. Gli interventi sul seno vengono tutti definiti mastoplastiche; se si aumenta il seno si parla di mastoplastica additiva; se si riduce il seno siamo di fronte a una mastoplastica riduttiva; se invece si esegue un “lifting” del seno siamo di fronte a una mastopessi. In alcuni casi il chirurgo può combinare il “lifting” con l’aumento dello del seno andando a eseguire una mastopessi con protesi. L’intervento più richiesto dalle donne di tutto il mondo è sicuramente la mastoplastica additiva.

La Mastoplastica additiva

La mastoplastica additiva è

Posted in Blog
1 febbraio 2017
Risultato intervento di liposcultura della regione sovrarotulea e interno coscia. Situazione preoperatoria e a 6 mesi dall’intervento chirurgico.
L’intervento vine effettuato in anestesia locale e la ripresa della vita sociale è immediata.

Dr. Matteo Gioacchini Medico Chirurgo Specialista in Chirurgia Plastica, Ricostruttiva ed Estetica Tel. 3383648956
Posted in Blog
10 febbraio 2016

Oggi vi volevo parlare del FTC Lift (Fine Thread Contour ) che è un innovativo trattamento per viso e corpo. Tale metodica attraverso l’inserimento, senza incisioni, di fili di biostimolazione in PDO (Polidioxanone), un medical device già largamente utilizzato in chirurgia generale e cardiovascolare, nel tessuto cutaneo, con un trattamento esclusivamente ambulatoriale, riesce ad ottenere, con l’aumento della proliferazione di collagene, il sostegno e la stimolazione dei tessuti lassi, con effetto liftante (soft-lifting). Questi fili vengono inseriti con aghi ipodermici sottili, all’interno dei quali è contenuto il filo stesso, così da creare un vero e proprio reticolo nelle aree che intendiamo rivitalizzare. Un elementare sistema meccanico consente all’ago, una volta penetrato nella cute, di depositare, all’interno del tessuto, il filo. L’effetto non sarà legato alla tensione o alla trazione dei fili ma alla loro stessa presenza, che stimola il rinnovamento della pelle, fornendo elasticità, vitalità e maggiore luminosità, migliora l’aspetto delle rughe, delle pliche cutanee, della pelle flaccida.

Posted in Blog
10 febbraio 2016

Con il termine carbossiterapia (carboxytherapy) si indica la somministrazione per via percutanea o sottocutanea di CO2 a scopo terapeutico. La carbossiterapia nasce in Francia all’inizio del ventesimo secolo come trattamento per diverse patologie del sistema circolatorio: consiste nell’iniezione, mediante sottili aghi, di anidride carbonica nella zona del mesoderma ricca di capillari. L’anidride carbonica che viene utilizzata è un perfetto analogo di quella che si trova nell’aria che respiriamo, e non provoca embolie: si tratta di un trattamento perfettamente sicuro che oggi viene utilizzato principalm

Posted in Blog